Incredibile!!! Una tassa per i ricchi!!!

Il governo Monti infine l’ha fatto: dopo aver scientificamente messo in mutande i contribuenti italiani, quelli con un reddito medio basso, ha istituito una tassa anche per chi di soldi ne ha tanti e cioè per tutti quelli che guadagnano oltre i 150.000 euro l’anno.

Bisogna dire che il governo alla fine s’è trovato nella condizione di doverlo proprio fare, questo prelievo dalle tasche di quelli che fino a ieri aveva voluto a tutti i costi tenere al riparo dai sacrifici richiesti alla popolazione tutta per cercare di mettere qualche toppa al disastrato bilancio nazionale, ma gli errori di valutazione fatti fin qui sul numero dei cosiddetti esodati, ossia quei lavoratori prima incentivati a lasciare il lavoro per la pensione e poi lasciati in mezzo alla strada per effetto delle nuove riforme, che li hanno allontanati dal raggiungimento del trattamento previdenziale senza rendergli un’occupazione, e che non è possibile sanare con nuove tasse sui redditi dei soliti noti, col rischio di provocare veramente qualche protesta violenta.

Adesso bisogna solo sperare che la Corte Costituzionale non ritenga legittimo il provvedimento, che impone il prelievo del 3% sul reddito solo di una parte degli italiani, avendo già fatto lo stesso per un provvedimento analogo.

Ma c’è poco da manovrare ormai, perché i dati economici continuano ad essere sconfortanti e replicano lo spettacolo già offerto da quelli di Grecia e Spagna, paesi nei quali nonostante tagli e tasse l’economia continua a non dare segni di ripresa e si stanno piuttosto avviando verso la bancarotta.

Una prospettiva che appare più lontana per l’Italia ma non così tanto, se nonostante il “buon lavoro” del governo Monti, così apprezzato all’estero, il deficit pubblico italiano continua ad aumentare, la produzione a scendere, il pil a calare e i consumi andare in picchiata.

La situazione è ormai così chiaramente irrecuperabile che perfino i partiti che sostengono il governo Monti e i giornali che gli fanno propaganda sembrano prendere le distanze, cercando di distinguersi in qualche modo, anche per non essere indiciduati come suoi complici in vista delle prossime elezioni.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...