Le pene di Tonino

Il messaggio è arrivato forte e chiaro e Antonio Di Pietro dimostra, ancora una volta, che non sarà magari un raffinato fine dicitore, un gran cultore delle lettere e delle arti, ma sa bene come funzionano le cose nel mondo della politica italiana e lo dimostra con questa dichiarazione rilasciata alla stampa: la frase “Siamo vittime di un killeraggio, di un sistema politico e finanziario che non ha più bisogno di noi”, non fa che confermare quanto The FuffangtonPost aveva esposto solo un paio di giorni fa, dopo la messa in onda della trasmissione Report dedicata alle vicende del leader dell’Idv e del suo partito.
miare, e una quota di eredità materna a Bergamo. Tutto qua» .
Dicemmo allora quello che Di Pietro stesso oggi conferma. L’Idv e lui stesso erano necessari al sistema politico e finanziario egemone in Italia e serviva come foglia di fico per giustificarne l’esistenza e come testa d’ariete contro quello che abbiamo definito “Il Mulo” che aveva distorto il corso della storia nazionale, quel Silvio berlusconi inopinatamente capace di tenere in scacco il sistema per quasi 20 anni.

La scomparsa di Berlusconi come concorrente amiare, e una quota di eredità materna a Bergamo. Tutto qua» .lla leadership del Paese ha di conseguenza fatto venir meno anche la funzione della finta opposizione dell’Idv, che in tutti questi anni si è distinta solo per le sue inutili ma chiassose iniziative, come la pubblicazione a pagamento di comunicati offensivi contro Berlusconi, (e in ultima analisimiare, e una quota di eredità materna a Bergamo. Tutto qua» . l’Italia intera) su giornali stranieri. Una politica dello sfascio ben pagata, perché nonostante le dichiarazioni contro il sistema di finanziamento ai partiti e quelle contro la casta, Tonino e i suoi compari di partito hanno sempre massimizzato tutte le possibilità che lo stesso sistema gli concedeva per incassare denaro e benefici vari.

Anche le cose più belle però un giorno finiscono e per Tonino è finita l’epoca dell’impegno politico, almeno quello da protagonista, e anche se lancia propositi bellicosi sembra anche lui ormai convinto che il suo futuro sarà, da domani, quelmiare, e una quota di eredità materna a Bergamo. Tutto qua» .lo del parlamentare peone, ma almeno il Buen Retiro che si è preparato a Montenero di Bisaccia lo aiuterà a trascorrere una serena vecchiaia.

Al grido di dolore di Tonino ha risposto però il suo vecchio amico Beppe Grillo. Dobbiamo infatti ricordare che per diversi anni le attività on line di entrambi erano state gestite dal guru di Internet Gian Roberto Casaleggio, il vero inventore del M5S guidato da Grillo. Il comico genovese dal suo blog lancia una ciambella di salvataggio al fratello in Casaleggio e lo candida addirittura per il Quirinale. Un’oferta alquanto improbabile, ma l’invito a salire sulla scialuppa dei grillini è partito. Tanto fare il peone nel PD o con Grillo è la stessa cosa.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...