Non siamo soli in questo Universo

Se prima la comvinzione dell’esistenza di individui che la pensano come noi fosse affidata solo a calcoli probabilistici, oggi la lettura del blog dell’economista PierGiorgio Grawonski e i commenti dei suoi lettori ce ne ha fornito anche  la prova sperimentale.

Nell’articolo di Grawonski, che si definisce un economista indipendente, abbiamo ritrovato infatti tutte le critiche che, da mesi ormai, facciamo ai provvedimenti del governo Monti e alle linee di condotta che lo ispirano, quelle che, è sempre bene ribadirlo, sono imposte dagli enti finanziari internazionali e che nei decenni trascorsi hanno già portato al default di vari paesi.

Fa piacere inoltre vedere come, a detta dello stesso economista, sono oggi in tanti, anche fra esponenti della scienza economica più tradizionalista, a considerare sbagliati gli interventi voluti dalla Ue e dal Fmi, ma siamo molto meno felici di leggere come lo stesso Grawonski giudica ancora troppo poco convinta la critica che essi rivolgono alle istituzioni, tanto che molti si accontenterebbero appena di qualche aggiustamento alle politiche in atto, citando tra questi Mario Draghi, l’attuale governatore della Bce e uno dei possibili successori di Monti a palazzo Chigi.

Alla fine, si può affermare che sebbene il fallimento delle politiche volute dalla Unione Europea sia sotto gli occhi di tutti, illustrato graficamente dai grafici pubblicati da Grawonski, sono ancora in pochissimi quelli che vorrebbero rivedere il tutto per evitare il peggio, mentre la Grecia corre verso il default e la Spagna si accinge più lentamente sulla stessa strada.

La cosa peggiore del nostro paese è però, come quasi sempre avviene, l’atteggiamento della grande stampa e dei grandi media, che si guardano bene dall’informare i cittadini dei grandi pericoli che stanno correndo, preferendo cloroformizzarli con le inutili notizie su qualche “eroe” esiliato in Guatemala, o facendoli appassionare alle audizioni dei “Fantastici 5”, il nuovo talent show che cerca il nuovo leadr politico del centrosinistra, proprio quello schieramento che nei dcenni passati ha provveduto ad eseguire il piano “europeo”, portandoci prima nell’euro, privatizzando in modo discutibile le grandi aziende pubbliche e dando inizio al risiko bancario che si è concluso con il disastro del Monte dei paschi di Siena, istituto da sempre controllato da quello che fu il PCI e in seguito dai partiti suoi eredi.

Il futuro dell”Italia appare dunque estremamente periglioso, trovandosi il nostro paese ad un bivio che può portarlo o verso la continuazione di una politica recessiva come quella attuale, ma guidata dal Bersani di turno, oppure verso la folle avventura del grillismo, il movimento fondato dal comico genovese e il guru informatico Gianroberto Casaleggio, che ha un progetto a dir poco fumoso in tutti i campi e che vorrebbe l’uscita dell’Italia dall’euro, provocando così un ennesimo trauma economico al paese, dopo quello provocato da Prodi e Ciampi con l’adozione della moneta unica, una monetica molto tedesca e poco mediterranea che poco a poco s’è mangiata la ricchezza degli italiani.

A questo punto è chiaro che solo la Fede può aiutare il cittadino a superare questo momento così difficile, ad avercela la Vera Fede, naturalmente, perchè pure il comportamento del Vaticono non aiuta.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...