Piccole evasioni, grandi oppressioni

L’ennesimo salvataggio della Grecia da oggi un poco di ossigeno alle borse, che recuperano qualche decimale e aiuta a comprimere lo spread tra i btp italiani e i bund tedeschi, nonostante anche oggi per l’Italia e l’Europa non arrivino notizie positive sulla possibile ripresa economica. proprio oggi infatti l’Ocse taglia ancora le stime sul Pil italiano, avvertendo che le conseguenze si faranno sentire sull’aumento della disoccupazione e del debito pubblico e la necessità di ricorrere ad una nuova manovra finanziaria.

Notizie non nuove e non inattese. Siamo sicuri che non siano inattese anche dal presidente del consiglio Mario Monti, nonostante negli ultimi giorni non si sia risparmiato nel dichiarare a stampa e televisioni che il peggio è ormai passato, grazie naturalmente all’opera indefessa del governo da lui guidato. Una difesa del proprio operato e un mettere avanti le mani sulla composizione del prossimo governo, che molti vogliono ancora da lui presieduto, che la dice lunga sul momento di confusione che in Italia sta vivendo il dibattito politico. Sembra che ormai la gran parte del ceto politico voglia mettersi alle spalle l’esperienza del governo tecnico, ma senza privarsi dell’opera del presidente della Bocconi, il quale dovrebbe rimanere titolare del dicastaro dell’economia in un eventuale governo di centrosinistra, perdendo per sempre l’innocenza del tecnico prestato alla politica per necessità.

Ma la cosa peggiore è che l’eventuale prossimo governo di centrosinistra, con Monti ministro o super visore dal palazzo del Quirinale, sicuramente continuerà nell’opera iniziata dai cosiddetti ministri tecnici, che poi altro non è che la linea imposta dalla UE e già interpretata dai governi di centrosinistra che si sono succeduti in questi ultimi 20 anni. Perché anche se tanti non se lo ricordano, grazie soprattutto ad una ossessiva campagna di disinformazione operata dalla grande stampa e da alcune emittenti televisive, in questi ultimi due decenni il centrosinistra ha governato per circa il 48% del tempo, prendendo pure decisioni importantissime, che hanno segnato il destino della Nazione, come l’adozione dell’euro, le prime leggi sulla riforma del mercato del lavoro e la riscrittura dell’art 5 della Costituzione in materia di regioni, che hanno prodotto le conseguenze che oggi possiamo osservare.

La strada che si continuerà a percorrere sarà dunque quella che già si è dimostrata più che inefficace e le parole di Monti fanno disperare che si possa neanche tentare di cercare un’altra via: le frasi riguardo alle priorità da percorrere per arrivare alla ripresa economica, attraverso una riduzione della pressione fiscale ormai insostenibile, sono infatti assai deludenti. Monti ha infatti ripetuto gli stessi logori slogan che da anni vengono pronunciati da coloro che di volta in volta governano il Paese: la riduzione delle tasse sarà finanziata dal taglio della spesa pubblica e dalla lotta all’evasione fiscale.

Per la prima voce basta osservare che in un anno di governo monti e i suoi colleghi tecnici sono riusciti solo a tagliare i servizi ai cittadini, specialmente a quelli più bisognosi in tempa di sanità e riduzione delle pensioni, mentre non è stato capace di togliere neanche un centesimo ai finanziamenti ai partiti e alla cosiddetta casta della politica, come nemmeno è riuscito a liquidare nemmeno uno degli innumerevoli carrozzoni mesi in piedi solo per regalare soldi pubblici alla clientela degli stessi politici.

Per la seconda i crudeli numeri sono addiriura più impietosi, perché dimostrano come nell’ultimo anno, a fronte delle spettacolari esibizioni in quel di Cortina D’ampezzo della guardia di Finanza e dei roboanti annunci del direttore delle Agenzia delle Finanze (e presidente di Equitalia) Attilio Befera, sul fronte del recupero dell’evasione fiscale non si è fatto molto meglio dell’anno precedente, facendo chiaramente intendere che il cospicuo aumento delle entrati fiscali è stato ottenuto solo grazie all’aumento delle imposte fiscali ai cittadini che da sempre sono in regola col fisco.

Eppure non dovrebbe essere difficile desumere, dalle stesse argomentazioni addotte del dottor Befera, il perchè la lotta all’evasione sia da sempre un fallimento. Sull’evasione fiscale e l’economia sommersa esistono vari studi e stime, ma prendendo per buoni i dati portati da Befera, che parlano di un’evasione fiscale per il 2012 stimata di 120 miliardi di euro e considerato che gli studi della Banca D’Italia hanno dimostrato che gran parte dell’economia sommersa attiene alle attività malavitose, al lavoro nero nell’industria e a transazioni finanziarie oscure, si finisce con il dedurre che l’evasione fiscale del popolo delle partite iva, che è quello sotto il microscopio dell’agenzia delle entrate, rappresenti una minima parte, attorno al 5% del totale, e pensare di poter recuperare da essa chissà quali tesori è un’utopia. Come sempre ci si concentra sul marginale e si ignora il principale.

A capirlo sono stati però gli italiani, che magari non avranno studiato alla Bocconi ma sanno ragionare col vecchio buon senso del buon padre di famiglia, tanto è vero che la popolarità del Premier Monti è precipitata ormai ai minimi storici, tanto che il professore è stato superato dal sindaco di Firenze Matteo Renzi nel gradimento come prossimo primo ministro. Secondo le ultime rilevazioni infatti, gli italiani non solo si dichiarano pessimisti per il futuro dell’economia e per le loro condizioni di vita, ma bocciano senza incertezze ledisposizioni fiscali care a Befera.

Tutti elementi che fanno presagire per il futuro forti tensioni, dovute alla probabile formazione di un governo poco popolare e costruito a tavolino per soddisfare le esigenze delle grandi banche e dei poteri internazionali: un governo dispotico, eterodiretto e minoranza nel paese. Una miscela esplosiva.

 

Aggiornamento delle ore 14:35

Purtroppo non si riesce a finire di scrivere che bisogna aggiungere altri dolori ai precedentemente elencati: il presidente Monti, nonostante avesse affermato solo ieri che il peggio è ormai passato, ci fa sapere che in futuro il servizio sanitario nazionale potrebbe non essere più garantito. Che dire: cerchiamo di non ammalarci!



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...