Il correttore di bozze

Linda e Paul

Linda e Paul

Ma esisteranno ancora i correttori di bozze nei giornali, o costeranno troppo e sono stati ormai sostituiti con meno esigenti programmi per computer? Il problema non è tanto correggere errori di battitura e imperfezioni tipografiche, tanto ormai nessuno ci fa più caso, ma se qualcuno che rilevasse clamorosi lapsus e sviste che possono inficiare il valore dell’articolo che il giornale pubblica, magari firmato da un prestigioso editorialista, e lo segnalasse prima che il giornale vada in stampa sarebbe veramente una preziosa risorsa per quel quotidiano.Prendiamo il caso del popolare e apprezzato giornalista e scrittore Furio Colombo, il cui curriculum vitae parla da solo, che proprio oggi pubblica sul Fatto Quotidiano un articolo col quale ripercorre sul filo della nostalgia un viaggio in India, in compagnia di personaggi famosi come l’attrice Mia Farrow e i musicisti Donovan, Mike Love del gruppo dei Beach Boys…e dei Beatles. Si tratta proprio del famoso soggiorno dei fab four in India, in cerca di una spiritualità che probabilmente nessuno dei quattro veramente cercava, eccetto il chitarrista George Harrison.Un racconto interessante e intrigante, se non fosse che ad un certo punto dello scritto si inciampi in un grossolano errore (un refuso?, un lapsus? un vuoto di memoria? un momento di confusione?):

“La sua casa agli Hamptons, dove giocava freneticamente a tennis (o meglio la casa del celebre avvocato Eastland, padre della moglie Linda) confinava con la casa degli amici che ci ospitavano, e che di frequente accettavano di incrociare le sfide a tennis”.

Opperbacco! Ma lo sanno tutti che il cognome di Linda era Eastman e non Eastland, tanto che molte volte la signora McCartney dovette smentire di essere imparentata con il magnate dell’industria fotografica Kodak, fondata da George Eastman.

Un errore simile è imperdonabile, perché da l’immediata e sgradevole sensazione che il racconto sia inventato, cosa che sicuramente non è. Sarebbe bastato che qualcuno correggesse il grossolano  sbaglio prima che il giornale finisse in stampa e pare francamente quasi impossibile che nessuno se ne sia accorto.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...