Localismi e ballismi

balle-di-fieno

La campagna elettorale continua con una progressiva escalation delle promesse fatte agli elettori dai vari protagonisti, leader e presunti tali. Costretti infatti da Silvio Berlusconi, che intanto ha promesso altri 4 milioni di posti di lavoro in aggiunta al milione già promessi anni fa, ma si sa che al cavalier Banana piace esagerare, sia Monti sia Bersani si sono lanciati in promesse varie,  consistenti in una riduzione progressiva dell’Imu e delle tasse sul lavoro delle donne il professore della Bocconi e in quella di rendere velocissimo il pagamento dei fornitori da parte dello Stato e l’istituzione del reddito minimo di cittadinanza, oltre a quella della solita riduzione delle tasse, in qualche modo.

Da tutto quello che si legge sui giornali, o dai tweet che con ritmo incessante gli account dei suddetti politici pubblicano, il futuro per gli italiani si annuncia radioso, con un lavoro assicurato e meno tasse da pagare, o almeno un piccolo reddito col quale sopravvivere nei momenti di difficoltà e mancanza di lavoro. L’Italia sembrerebbe dunque poter finalmente diventare un paese civile, uguale agli altri che compongono il nucleo della Comunità Europea, se solo ci si facesse convincere dalle promesse elettorali. Ma un interrogativo sorge spontaneo: ma allora perché non li hanno realizzati prima tutti questi provvedimenti? e allora la diffidenza riprende a prendere forma nei pensieri dell’elettore semplice, che teme di essere preso in giro dagli astuti politici.

Magari ci sarà pure chi si farà convincere, ma la cosa certa è che e c’è qualcuno che è disposto a credere che il PD non ha nulla a che fare con le vicende del Monte dei Paschi di Siena, che è come credere che Ruby Rubacuori è la nipote di Mubarak, tutto in questo paese è possibile. Sembra infatti che in tanti credano veramente che il PD non abbia nulla a che fare col MPS, se le intenzioni di voto danno il partito di Bersani solo leggermente in calo, attorno al 30%.

palle

La nostra idea è che in realtà la solidità dei consensi ai partiti si spiega non nella credulità degli elettori, quanto piuttosto con la fede da tifoso di calcio con la quale gli italiani vivono anche la propria appartenenza politica e si sa che per il tifoso di calcio l’importante è che la sua squadra vinca, magari giocando male e pure grazie a qualche irregolarità. Solo questo può spiegare la tenuta del PD di fronte alle sempre più gravi responsabilità che emergono dall’inchiesta sull’Istituto di credito Senese, che in queste ore stanno chiamando in causa i maggiori protagonisti delle attuali vicende politiche e finanziarie, compresi il governatore della BCE Mario Draghi e il premier uscente Mario Monti, nella sua qualità di consulente della nota banca d’affari Goldman Sachs, e lo IOR, la banca del Vaticano, oltre naturalmente ai vertici del PD. Per la verità, in questi ultimi giorni almeno, sembra che prenda quota il movimento di Beppe Grillo, che pare assorbire parte di quanti fino ad oggi si erano dichiarati indecisi.

Rimangono ancora una ventina di giorni nei quali dovremo sopportare gli improbabili spot elettorali dei sopramenzionati: il Banana e i suoi vorticosi show da televenditore; Bersani e le sue fumose proposte e il suo linguaggio da campione di briscola del rione; l’incredibile Mario Monti trasformato dai guru della comunicazione nella parodia di se stesso. Uno spettacolo davvero penoso che ci rafforza nella nostra scelta di  astensione dal voto. LASCIAMOLI SOLI, questo è e resterà il nostro motto fino a quando non vedremo una sincera volontà di cambiamento e la concreta riforma istituzionale dello Stato.

 



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...