A che serve avere un Governo?

Un Governo?

Un Governo?

A che serve indire una consultazione elettorale, se la volontà popolare sarà inascoltata?
Questa è la riflessione che l’elettore medio di questo paese chiamato, forse non ancora per molto tempo, Italia dovrebbe fare, leggendo le cronache dal palazzo.
Appare ormai evidente a tutti che il governo incarica, come già il precedente, è eterodiretto e che le decisioni vengono prese altrove che a Roma, gloriosa e cadente capitale di uno Stato che fu.
L’ultima uscita del ministro per lo sviluppo economico Fabrizio Saccomanni sulla impossibilità di abolire l’Imu sulla prima casa appare infatti chiaramente come una voluta imposizione della volontà del potere centrale europeo e segnatamente della BCE di Mario Draghi, di cui Saccomanni è il diretto referente all’interno del governo Letta, contro quella di una parte della politica italiana, quella più restia a non obbedire agli ordini dei veri potenti del continente.
Impossibile infatti pensare che il governo non sia capace di trovare due miliardi di euro, su un bilancio totale di ottocento, per coprire l’abolizione della tassa più odiata dagli italiani, e che si stia invece volutamente cercando lo scontro frontale con l’opposizione, contando sul fatto che nessuno vuole veramente far cadere il governo e che è praticamente impossibile tornare alle urne.
Abbastanza comico notare pure che quelli che dovrebbero fare da cani da guardia della democrazia, i media liberi e democratici, abbaiano al colpo di Stato se qualcuno “attenta” alla vita del governo, seguendo quelle che dovrebbero invece essere le regole sulle quali si fondano i regimi democratici, che prevedono l’alternanza dei governi quando quelli in carica  perdono il sostegno popolare, ma fingono di ignorare che il colpo di Stato c’è già stato, quando fu nominato Presidente del Consiglio il senatore a vita Mario Monti e con la trasformazione di fatto della Repubblica Parlamentare in Repubblica Presidenziale.
Non c’è alcun dubbio che la situazione reale del paese è così grave e ingarbugliata che alcuni strappi costituzionali erano indispensabili, ma il fatto che dopo due anni la situazione non solo non è stata sanata ma si continua imperterriti a continuare nel solco tracciato dell’illegalità costituzionale (e mentre gli accecati “partigiani” della carta costituzionale gridano all’attentato contro ogni tentativo di riforma) costruiscono invece “emergenze” inesistenti.
Solo tanti utili, inconsapevoli  idioti che aiutano i carnefici a distruggere l’Italia senza rendersene conto, oppure mercenari senza onore pronti a qualsiasi bassezza in nome del soldo? Un dubbio che si va via via sciogliendo con il tempo che passa, facendo optare per la seconda ipotesi.
Sembra infatti impossibile che, davanti ad un piano ormai così sfacciatamente pubblico e comprensibile di spoliazione morale, economica, culturale e civile ai danni di un popolo (più popoli se guardiamo a cosa sta accadendo in tutta Europa), persone acculturate e di normale intelligenza continuino a non capire.
A capire sono invece tanti italiani, che però non hanno né voce né mezzi per farla sentire adeguatamente, solo possono estraniarsi dalla vita civile, rinunciando ad esercitare quei diritti politici propri dei cittadini di uno Stato democratico, sancendo la definitiva rottura del patto sociale che è alla base di ogni regime politico: lasciamoli soli i nostri politici, che continuino pure ad esercitarsi nelle loro inutili strategie e tattiche da corridoio. Sono esseri ormai inutili, burattini senza fili che inseguono un potere le ricche prebende riservati ai servitori di Palazzo.



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...