Il tramonto di Giggino

demagistris

Sic transit gloria mundi, ammonivano i Padri Latini, ma la gloria di Luigi De Magistris pare davvero passata in un lampo.

Soltanto un paio d’anni fa l’ex Pm era stato trionfalmente eletto Sindaco di Napoli, quando si era candidato a capo di una lista personale, sfidando i partiti tradizionali, aprendo la stagione dell’ennesimo nuovo “rinascimento” napoletano, dopo quelli annunciati e promessi negli anni trascorsi da altri noti esponenti politici, eppure oggi già si ritrova con una giunta indagata per metà dei suoi componenti, un’attività amministrativa paralizzata e nessuno degli obiettivi che si era prefisso non diciamo raggiunto, ma proprio nemmeno avvicinato.

Un completo fallimento che per la verità non può essere sorprendente, se si ripensa al soprannome di Giggino o’Flop che l’ex magistrato, figlio e nipote di magistrati, com’è abitudine di questo Paese.

O’ Flop era il nome, O’Flop ci si doveva attendere e O’Flop è puntualmente arrivato. Un Flop talmente manifesto che lo stesso sindaco “arancione” lo ha certificato durante una evidente crisi depressiva che l’ha visto autore di una lunga sequenza di messaggi su Twitter, chi li ha contati dice 22, attraverso i quali ha non solo accusato un po’ tutti di averlo lasciato solo e attaccato in tutti i modi (il pericoloso sintomo di un complesso di persecuzione?) ma ha pure ammesso i propri evidenti limiti, nascosti fino a ieri da una spaventosa egolatria che gli aveva fatto guadagnare l’altro nomignolo di “narcisindaco”.

demagistris-pista-ciclabile

La cosa più brutta è che il sindaco De Magistris, pur ammettendo il fallimento, minaccia di continuare nella sua azione di onesto ma incapace amministratore, il che la dice lunga sul futuro prossimo della città di Napoli.

La speranza di noi tutti è che almeno il sacrificio dei napoletani è servito ad evitare che O’ Flop si estendesse su scala nazionale, sapendo bene che le aspirazioni di De Magistris erano quelle di far “rinascere” non solo la sua città natale ma tutta la Nazione!

 


2 commenti on “Il tramonto di Giggino”

  1. Jordi scrive:

    Eddai Carlino,ti ci metti anche tu?
    Prendersela con Giggino è un po’ come sparare sulla Croce Rossa, non so se mi spiego 😀


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...